Risorse mentali, salute e prestazioni sportive

“Come faccio a dare il massimo in campo? Perché rendo meglio in allenamento che in partita?”.

Prima o poi ad ogni sportivo sarà capitato di fare pensieri del genere.

La motivazione o la volontà personale a volte non bastano. Ci sembra di non riuscire a controllare alcuni nostri fattori personali: concentrazione, paura, ansia, fiducia nei propri mezzi. Possiamo davvero migliorare queste qualità?

Il vero problema non è il “se” ma il “quando”. Perché se non alleniamo costantemente queste aree difficilmente otterremo degli obiettivi tangibili.

Gran parte degli allenatori riconosce nelle abilità mentali il 90% della performance nello sport, tuttavia non vengono sistematicamente allenate né ci si interroga sulle conseguenze.

Ma cos'è di preciso il Mental Training?

"L'Allenamento Mentale non è altro che un atteggiamento di maggiore attenzione verso i processi psicologici coinvolti nell'attività sportiva, ma soprattutto come questi influenzano il proprio rendimento in senso positivo o negativo".

Lo Psicologo dello Sport è la figura più indicata per questo obiettivo. Perché grazie alle proprie conoscenze teoriche e relazionali sostiene l'atleta in un percorso di crescita personale che lo porta a rendersi più consapevole del proprio funzionamento, riconoscendo le proprie risorse interne e incrementando il proprio livello di autostima.

Quali sono i suoi effetti e come si realizza?

Comprendere come mente e corpo interagiscono sotto stress ci permette di essere pronti a fronteggiare le difficoltà al meglio. Si acquisiscono tecniche pratiche per esprimere al massimo le proprie potenzialità anche in condizioni di forte stress psicofisico, allo scopo di ottimizzare la propria performance.

Il percorso di Mental Training viene individualizzato sulla disciplina dell'atleta e sulle caratteristiche personali dell'individuo. Ogni percorso è costruito su misura del singolo o del collettivo su cui agiamo, analizzando il mindset di gara ed elaborando nuove strategie.

Salute e prestazioni sportive sono in stretta connessione. Non può esserci performance ottimale senza benessere.

Per un atleta che si mette a dura prova continuamente, l'overtraining e il Burn-out sono pericoli dietro l'angolo. Lavorare sulla consapevolezza di sé affina il contatto con le proprie sensazioni e le proprie emozioni, potenzia atteggiamenti efficaci e abitudini positive, e ci allontana da quei comportamenti negativi che sgretolano la prestazione.

Ecco alcune aree in cui possiamo lavorare assieme:

Gestione Obiettivi e Motivazione

Gestione dell'Ansia

Attenzione e Concentrazione

Recupero Post Infortunio

Coesione di Squadra